Archivio dell'autore: Krieger Fever

Informazioni su Krieger Fever

Sono la classica ragazza noiosa con tanta voglia di scrivere. Amo Kelly Clarkson e tutto USWNT, specialmente Ali Krieger, Ashlyn Harrison, Hope Solo e Alex Morgan. Non sono il classico tipo che esce il sabato sera o che ha bisogno a tutti i modi di essere popolare. Sono bensì il tipo chiuso, timido che resta chiusa nel suo mondo fatto di libri e musica. Sono stata costretta a cambiare la mia filosofia di vita, quindi ora penso e agisco alla Marina Diamandis. Se volete, leggete pure il mio blog.

My life as… Marina Lambrini Diamandis.

Tempo fa mi chiedevo come qualcuno potesse capirmi. Non trovavo nessuno in grado di capire i miei sentimenti, la mia vita, il senso che ha per me ogni cosa. La mia vita, la mia classica depressione che mi veniva a trovare ogni tanto, ogni storia deludente, ogni volta che provavo a cambiare qualcosa nella mia vita e non funzionava. Ma poi ho trovato lei, Marina Diamandis che mi capiva e in certi modi mi dava la forza su come non essere l’unica a star così.

Ora vi spiego la ma vita come Marina Diamandis.

ARE YOU SATISFIED?

“People like to tell you what you’re gonna be
It’s not my problem if you don’t see what I see
And I do not give a damn if you don’t believe
My problem, it’s my problem
That I never am happy”

NUMB

I can’t breathe and I can’t smile
This better be worth my while
I feel numb most of the time…

I need a friend, oh but I can’t yell
Yeah, I’m no good, no good to anyone

TEEN IDLE

Feeling super, super (super!) suicidal
The wasted years, the wasted youth
The pretty lies, the ugly truth
And the day has come where I have died
Only to find I’ve come alive
Come alive, I’ve come alive
I wish I wasn’t such a narcissist
I wish I didn’t really kiss the mirror when I’m on my own
Oh God! I’m gonna die alone

LONELY HEARTS CLUB

I feel like if I’m too kind then you will only change your mind
Take advantage of my heart and I’ll go back into the dark
Love will never be forever, feelings are just like the weather
January to December, do you want to be a member?

STARRING ROLE

I’ve turned into a statue
and it makes me feel depressed
cause the only time you open up is when we get undressed.
You don’t love me, big fucking deal

LIES

You’re never gonna love me, so what’s the use?
What’s the point in playing a game you’re gonna lose?
What’s the point in saying you love me like a friend?
What’s the point in saying it’s never gonna end?
You’re too proud to say that you’ve made a mistake
You’re a coward to the end
I don’t wanna admit that we’re not gonna fit
No, I’m not the type that you like
Why don’t we just pretend?

FEAR AND LOATHING

Now the time is here,
Baby you don’t have to live your life in fear
And the sky is clear, is clear of fear
Don’t wanna live in fear and loathing
I wanna feel like I am floating
Instead of constantly exploding
In fear and loathing

HOW TO BE A HEARTBREAKER

Rule number one, is that you gotta have fun
But baby when you’re done, you gotta be the first to run
Rule number two, just don’t get attached to
Somebody you could lose
Rule number three, wear your heart on your cheek
But never on your sleeve, unless you wanna taste defeat
Rule number four, gotta be looking pure
Kiss him goodbye at the door, and leave him wanting more, more

HAPPY 

So you know now
You know it all
That I’ve been desperately alone
I have’t found the one for me
But I believe in divinity
I found what I’ve been looking for myself
Found a life worth living for someone else
Never thought that I could be
Happy, happy.


‘Sti cazzi che vita!

Ultimamente son stufa di tutto e tutti, ‘sti cazzi! Gente che pretende da me, che vuol tutto da me, che si arrabbia senza motivi nei miei confronti, che si arrabbia perché oso vivere o avere degli amici, che mi giudica e mille altre cose. Ma, dico io, farvi un po’ di cazzi vostri no? Non dico di essere perfetta, ma dico di esser stanca di fare sempre il primo passo anche per cose che non ho fatto, per cose che sono state insinuate o solo cose che vengono in mente a persone malate. Tutte io le trovo?

Ultimamente ho dovuto rinunciare a mille mila cose ma non ho detto nulla, come al solito sto sempre zitta, non mi lamento ma questo provoca solo altre cose, perché da’ uno spunto in più alle persone per usarmi.

Parlando con la psicologa, son riuscita a sfogarmi su cose che tengo dentro da talmente tanto tempo che ormai hanno preso una brutta piega dentro di me, un brutto vizio che non va via, responsabilità che non mi appartengono ed un brutto senso di vuoto interno ancora da colmare ma che non avrà mai fine. Non può aver fine perché continuo a cadere nelle stesse cose, ad inciampare come un bambino che impara a camminare, cadere sullo stesso punto ancora una volta, ripetutamente, ogni santa volta.

Avrà mai fine ciò? Non chiedo di essere felice, ormai su quello mi son rassegnata, ma chiedo solo un po’ di serenità interiore, una serenità economica e spirituale. A molte cose ho rinunciato, chissà a quante dovrò ancora rinunciare.

RINUNCIARE: è questa la parola chiave ormai.


The mess I made.

Mi piace iniziare sempre un nuovo post, un nuovo capitolo nella mia vita, una nuova storia con il titolo di una canzone, è sempre piacevole ricordare qualcosa con una canzone. Una canzone che ci porteremo dietro sempre, una canzone che appena l’ascolteremo ci ricorderà dei momenti belli oppure brutti, delle persone nella nostra vita che ci sono o che sono sparite perché non erano destinate a stare nella nostra vita e altre che ci porteremo in mente con le persone care che ci stanno affianco.

Questo post è un nuovo capitolo nella mia vita, o meglio, chiudere un capitolo nella mia vita. The mess I made, sì. Credevo di avere tutto due anni fa, di essere felice con quello che avevo, di aver trovato tutto. Credevo di aver perso tutto un anno fa, di non aver nulla per cui vivere perché avevo basato la mia vita su una persona. Ora posso dire che mi sbagliavo, che ho fatto la cazzata più grande del mondo a credere che era quella la vita, che era quello l’amore, che era quello il mio futuro. Mi rendo conto di tutte le persone che ho ferito per una persona che non vale neanche un penny, per una persona che mi ha fatto odiare persone che non c’entravano nulla e che mi ha solo buttata giù. Non voglio parlare ancora di lei, per questo motivo questo è l’ultimo post, un post di scuse per me stessa, per come mi son comportata nei miei confronti e nei confronti di alcune persone che ho usato.

Quest’estate ho fatto una marea di cazzate, ho conosciuto persone inutili sul web, ho fatto sesso con persone che nemmeno mi piacevano e ne ho baciato altrettante solo per provare qualcosa. Ho ferito i sentimenti di alcune persone che credevano di poter avere una relazione con me, ho fatto sesso solo per farlo e hanno capito altro che non ho mai lasciato capire. Nel frattempo però non solo ho ferito quelle persone usate un po’ come oggetto, ma ho anche ferito me stessa, dando una diversa immagine di ciò che veramente sono.

Non è bello, non è affatto bello quello che ho fatto a loro e a me stessa solo perché ero stata ferita. Solo ora mi rendo conto, grazie all’amore della mia ragazza Sil, che quello che ho provato in passato non era amore. Effettivamente avevo molte mancanze e compensavo con ciò che mi offriva una persona, per quello son stata così male. Era un periodo davvero schifoso: col mio ex ragazzo non andava più perché era diventato solo monotonia, non potevo più continuare a studiare, non avevo amici, ero praticamente da sola in una città che non conoscevo, non avevo nessuno che mi spronasse a fare quello che volevo, non sapevo cos’era uscire la sera anche solo per scherzare in giro, mangiavo per compensare tutto quello che non avevo, pesavo 127 kg, non sapevo nulla di nulla… tutto quello che vivevo era lei, una bugia dietro l’altra.

Ora sono cresciuta, ho 24 anni, ho buoni amici che mi vogliono bene, ho una ragazza che non potrei mai e poi mai cambiare al mondo, esco con gli amici o anche solo con la mia ragazza e son tranquilla. Ho perso 3 taglie, faccio attività fisica ogni giorno, mi diverto anche solo giocando a basket con la mia ragazza, lavoro, ho due cagnoline più il cagnolino bello di Sil, in molti hanno scoperto il mio talento nella fotografia, ho conosciuto nuova gente nei lavori che ho svolto che son rimaste nella mia vita, ho. Ho me stessa, ho qualcuno per cui lottare ogni giorno: io. Ho scoperto chi sono, quanto valgo e cosa sono in grado di fare. Ho scoperto cosa voglio fare nella mia vita, le mie capacità e che non ci sono limiti quando davvero desidero qualcosa. So che la strada non è di sicuro facile ma posso farcela. Posso farcela anche perché a mio fianco ho una persona meravigliosa e voglio farcela.

In questi giorni ho parlato di nuovo con una ragazza che reputavo una mia cara amica l’anno scorso, una persona che è stata per tutto il tempo con la mia vecchia relazione e anche in parte di quello che ero diventata l’anno scorso. Parlando è uscito fuori il discorso di quella persona, del fatto che ho scoperto non era vero amore e mille altre cose che mi hanno solo aperto la mente per riuscire a scrivere questo post. Parlando con una mia cara amica del fatto che sentivo che quella persona sarebbe tornata, che mi avrebbe fatto del male e che poteva far qualcosa con la mia attuale relazione e che mi aveva sbloccata da Facebook per un motivo che non c’era, lei mi ha detto solo “Nessuno può farci del male, nessuno può buttarci giù se noi non lo vogliamo. Se dobbiamo eliminare noi una persona, dobbiamo farlo solo noi, solo noi possiamo affrontare le nostre paure, i nostri mostri e quando riusciremo a farlo, saremo davvero felici”. Effettivamente è così, ho analizzato il tutto, quello che ero, quello che sono, quanto sono cambiata in un anno, cos’ho raggiunto solo impegnandomi nelle cose, solo trovando la persona giusta.

Non farò mai più quegli errori, non mi lascerò mai più andare così e soprattutto non rovinerò mai più me stessa, mai. Io sono questo, sono una persona nuova, sono una ragazza che alla fine è destinata a grandi cose, me lo sento, me lo dicono tutti. Sono io, sono Gina e sono l’unica persona in grado di gestire chi sono, chi amare e cosa fare della mia vita. Quando aiutare e chi aiutare. Sono una persona che vale, non una persona che sta con una persona solo perché effettivamente non sa altro nella vita. So chi sono, so chi amo, so cosa voglio diventare da qui a dieci anni. Voglio una vita migliore, voglio vivere con la mia metà, voglio lavorare nel mio settore e voglio stare con i miei cani. Voglio e lotterò per averlo. Nessuno, mai più mi butterà giù.

 

Stay tuned 🙂

G.


Funny how the life could be deceiving

18 gennaio 23, ore 17,05

fuori piove e sento solo il rumore delle macchine quando strisciano sull’asfalto bagnato. Le lacrime scendono sul mio viso e non riesco più a controllarle, come la pioggia fuori. “Non era così che immaginavo la mia uscita da questa casa” – rifletto mentre mi asciugo le lacrime col dosso della mano. Raccolgo le mie robe, i miei vestiti, i miei cosmetici e penso solo che non doveva andare a finire così.

Quattro anni fa venni a Torino, ero solo una diciannovenne stupida che credeva nel cambiamento della sua vita in bene, che sognava un futuro da giornalista con un piccolo appartamento, due cani, la persona amata e tanta serenità. Eccomi qui, 23 anni, lavoro in un call center e chiamo contadini ogni giorno per chiedere cosa coltivano. “Vaffanculo, mi avete rotto il cazzo, non la smettete di chiamare? Non avete nulla da fare?”-  queste sono le risposte che sento in cuffia per quasi 8 ore al giorno. Certo, ricevo anche risposte carine e gente davvero gentile ma non era sicuramente così che immaginavo la mia vita. Non era in questo modo che doveva finire.

Mentre preparo la valigia, conto tutte le opportunità perse nella mia vita, le persone che mi hanno messa in ginocchio, le persone che mi hanno usata, le batoste nella mia vita ma credo che nessuna si aggiunga a questa. Sono senza casa, con pochi Euro nel portafoglio ma almeno ho un lavoro e una fidanzata che adoro. Questo può bastare nella mia vita? Non  potrò vedere i miei cani ogni giorno, le mie vite, i miei amori, il mio tutto. Ho dato la mia vita a loro, ho insegnato tutto quello che potevo, le ho cresciute. Ora, dopo due anni, le mie bimbe restano a lui. Potrò vederle per poche ore la settimana, ore che non basteranno a colmare la mancanza che avrò ogni giorno.

Non era questo che mi aspettavo nella mia vita, non era così che mi vedevo ridotta a 23 anni.

Dal suo punto di vista, non ha tutti i torti, dal mio punto di vista, mi aspettavo qualcosa in più da lui. Pretese? Nessuna, forse solo un po’ di aiuto. Sapevo che sarebbe arrivato il momento di chiudere ma non in questo modo, non è così che prevedevo la mia uscita.

Asciugo le mie lacrime, ormai abituate a stare sopra la tastiera e mi preparo. E’ ora di partire, mi dicono, è ora di lasciare un capitolo della mia vita, è ora di abbattere un pilastro della mia casa. Cosa ne sarà della casa? Cosa ne sarà della mia vita fuori da queste mura? Chi mi garantisce che sarò felice?

Ho la mia ragazza, ho un lavoro, ho degli amici, ho delle persone che vogliono lottare a mio fianco, ho me stessa. Ho molto di più di 4 anni fa. Non ho sicurezze, ho pochi spiccioli e tanta voglia di migliorarmi e migliorare la mia vita. Ho questo, nient’altro che questo.

Stay Tuned

G.


She is the words that I can’t find

Avevo promesso di scrivere un post su di lei, sulla persona fantastica che ho a mio fianco, Silvia. Da quando l’ho conosciuta, qualcosa dentro di me è cambiata. All’inizio non doveva essere nient’altro che mia amica, poi doveva essere solo la mia Friend with benefits, ma poi le cose sono cambiate. Io non volevo nessuna, lei nemmeno ma qualcosa è scattato in noi e siamo diventate una coppia. Non riuscivo a stare un giorno senza vederla, per me anche 5 minuti erano fondamentali, per me vederla era diventata la cosa principale nelle mie giornate ed era la cosa che riusciva a rendermi davvero felice.

Così, il 30 novembre le ho chiesto se voleva stare con me, se voleva essere la mia ragazza e lei accettò subito.. non vi dico quanto questo mi abbia resa felice. Lei è l’unica persona con la quale ho voluto iniziare una relazione onesta e che intendo mantenere. E’ stata la prima persona con cui ho voluto iniziare qualcosa di sincero, qualcosa di unico, qualcosa di duraturo.. una storia seria! Per iniziare ho detto subito a mia madre di lei, ed è la prima in assoluto di cui abbia parlato a mia mamma, ho detto tutto a Christian, non ho occhi per nessun’altra, cerco di essere il più romantica possibile e soprattutto, mi sto liberando dei miei pesi.

Finora ho avuto relazioni instabili, relazioni insicure che mi hanno resa una persona molto volubile e quindi ho paura di esprimere i miei veri sentimenti, ma con lei è diverso, lei è diversa, lei è la mia persona. So che stiamo insieme da poco, ma sapete, a volte certe cose te le senti dentro e so che con lei posso davvero essere me stessa al 100%, senza limiti, senza paure.

Pensate che mi ero completamente chiusa in amore, non volevo aver niente a che fare con nessuno, volevo solo incontrare una persona, averla per una sera e poi al diavolo. Non volevo saperne di essere tenera, di tenere una persona per mano, di vederla dormire, di abbracciarla o di darle il bacio della buonanotte… nulla! Con Silvia tutto questo è cambiato, tant’è che mi sto innamorando di lei. Assurdo, vero? Eppure è così.

Quest’anno ho fatto capodanno con lei, con l’unica persona che volevo a mio fianco, con la persona che so che avrò un anno meraviglioso. Ho organizzato qualcosa di molto carino, romantico e unico. Un capodanno che non dimenticherò mai.

Stay tuned for more

G.


13 Cose importanti del 2013

So che è un post noiosissimo, scritto da tutti ma ecco cosa mi porto con me/ho fatto di importante nel 2013.

1. Just breathe and stay strong sono i miei due tattoo fatti quest’anno, febbraio per la precisione. Due tatuaggi fondamentali nella mia vita, tatuaggi che mi hanno aiutata in momenti difficili e che mi danno la forza quando nient’altro può aiutarmi.

2. Concerto di Emeli Sandé Uno dei concerti più belli della mia vita. Mi sono divertita tantissimo. Anche se mi sono fatta il concerto da sola, non mi sono per niente annoiata. L’ho anche incontrata due volte: persona magnifica e semplicissima! Ho conosciuto anche la ragazza che apriva il su concerto, Charlene Soraia, una dolcezza unica.

3. Luca, Nemi, Viola e Cosmin ho conosciuto i miei migliori amici. Sono delle persone meravigliose, persone che ho sempre desiderato avere con me, persone che mi aiutano ad essere me stessa, persone che adoro più di qualsiasi cosa al mondo.

4. Family Pride Sono andata al mio Gay Pride. Ho finalmente accettato di essere gay e ho vissuto il mio primo pride al 100%

5. Conosciuto gli Hunger Games Sono letteralmente ossessionata dagli Hunger Games. Da quando ho visto il primo film, non ho fatto che pensare solo a quello.

6. Ellie Goulding, I need Your Love la mia canzone del 2013. Questa è stata la canzone che mi ha perseguitata per tutta l’estate. Poi beh, lo sappiamo che Ellie è Ellie

7. Liberata dai pesi morti Ho tolto molte persone che mi davano fastidio, una persona in particolare soprattutto. Da quando non è più nella mia vita, sono una persona migliore e, soprattutto, sto molto ma molto bene senza di lei.

8. Il gruppo giovani dell’Arcigay Cristo se è stato importante per me il gruppo giovani. MI ha aiutata a perdere la mia grande timidezza e ho conosciuto delle persone fantastiche che sono poi diventate mie care amiche.

9. Aver perso peso Questo sì che è fondamentale. Da quest’estate porto la 46 e sono una persona super felice

10. Le mie Jordan Sì, sono un po’ fissata ma amo incredibilmente le mie Air Jordan Flight 1Grigie. Sono fottutamente belle e le amo da impazzire.

11. Silvia la mia incredibile ragazza. Stiamo insieme solo da un mese ma mi sembra la persona giusta per me. Mi sta riuscendo a liberare da quello che mi ero creata, dal fantasma che mi perseguitava e da quel cuore di pietra che avevo. Mi sto davvero innamorando di lei.

12. Felicità Quella a me sconosciuta. Finalmente riesco ad essere felice, finalmente ho degli amici vere, delle persone che a me ci tengono, delle persone che mi rendono felici con le loro stupidaggini, con le loro battute squallide, con le loro risate. Persone con cui  restare sveglia fino al mattino e non essere mai stanca perché hai la consapevolezza di essere davvero felice e di aver trovato tutto quello di cui avevi davvero bisogno, tutto quello che ti mancava nella vita.

13. Capodanno con lei Non abbiamo fatto chissà quale festa ma sono stata bene. Ho avuto il mio bacio a mezzanotte, sono stata con i miei cani e il suo (che ormai amo tremendamente), lo spumante e lei. Che altro serve nella vita per essere felici? Sto davvero bene e se è finito in quel modo e iniziato con lei, beh, il 2014 può solo essere un anno pazzesco!


Joy: worst job ever.

Di lavori ne ho provati un po’ ma mai come questo con Joy. Joy e Aism: un nome ma non una garanzia. Vi racconto la mia avventura, cose che solo a me capitano. Ero andata a far questo colloquio per Joy, dal nome e dal posto scelto, mi sembrava la gioielleria, parlando poi di vendita diretta, solo quello potevo pensare. Arrivo al colloquio ed era un primo colloquio di gruppo, nei quali ci ho messo la firma ormai. Non mi faccio spaventare, anzi, vado a tutta piena di me in quanto ero stata scartata in un precedente lavoro per mia del mio accento straniero alquanto inesistente, ma andiamo oltre.

Entro in questa stanza e ci iniziano a parlare di questo lavoro e ci fanno vedere praticamente i diamanti, non l’oro: il lavoro della vita! Guadagni almeno 1000 euro al mese, lavorando cinque ore al giorno e alla fine ti diverti perché sei in compagnia di giovani e la gente sta volentieri a sentirti perché è interessata. Inizialmente ci credevo pure perché sembravano di un sincero quasi al limite. Faccio il colloquio individuale in cui la cosa diventa ancora più interessante: viaggio a Milano, soggiorno per quattro giorni in cui hai tutto spesato dall’azienda e giorni che ti vengono anche pagati. Come puoi rifiutare? Accetto e aspetto il giorno dopo la conferma del lavoro. Mi chiamano e mi confermano: sono stata l’unica del gruppo che hanno preso.

Contentissima, parto per questa nuova avventura. Si inizia dicendo che dobbiamo prenderci il biglietto, che poi ci viene rimborsato in loco. Lo acquisto, sbrigo tutte le pratiche mandando i miei documenti e altro e parto per Milano. Siamo lì e andiamo nella sede di Joy in provincia di Varese. Già lì siamo in un posto che nessuno conosce: Milano dove? Facciamo questo corso di non so quante ore, dove era tutto incentrato sulla sclerosi multipla, corso pesantissimo. Alle 14 decide di far una pausa e portano il ‘pranzo’ ovvero dei mini panini e della coca. Facciamo questo pranzo e poi ci portano in albergo, un bed and breakfast sperduto a Busto Arsizio. Busto Arsizio, voi sapete dove si trova e soprattutto è quella Milano? Tralasciamo. Ci informano che a parte di B&B dobbiamo pagarci tutto noi e che poi ci verrà data una diaria di 20 euro che in seguito diventano 15. Considerando che il nostro B&B era tutt’altro che Breakfast, ma solo Bed ci risultava difficile vivere con quella cifra tutto il giorno. Ah, anche i trasporti dovevamo pagarli noi e tutto ci veniva rimborsato. Ecco, tenete conto di questa bellissima parola: rimborsato. Per tutti i giorni lavorativi abbiamo chiesto, o meglio, parlo in prima persona, ho chiesto se dovevamo tenere gli scontrini e la risposta è sempre stata “la diaria si ha a prescindere, non c’è alcun bisogno di tenere gli scontrini”. Difatti così è stato.. credeteci pure!

Passiamo alla parte interessante: il pagamento dello stipendio. Arriva già in ritardo, ma lasciamo perdere. A me arrivano due bonifici con i soldi dovuti, ma mi arriva il giusto importo il problema, che si viene a scoprire dopo due settimane è che hanno sbagliato ed il secondo bonifico veniva fatto a me invece della mia compagna di lavoro. Bene, con calma Joy! A quel punto non ci ho visto più e ho chiesto di parlare esclusivamente con chi se ne occupa perché ero stanca che venissero riferite le notizie errate. A questo punto mi viene riferito che per avere i rimborsi dovuti per la diaria, dovevamo fornirle gli scontrini in quanto i pasti non sono stati consumati presso il B&B. Ma tutte queste informazioni non dovevamo averle lo stesso giorno che siamo arrivati, giusto? Assolutamente no! Per la grande azienda Joy, non è così. Sembrava una notizia irrilevante, in quanto noi stessi dovevamo capirlo. Certo, noi tornavamo da Malpensa (luogo di lavoro a Milano) alle 17 ed il ristorante era espressamente aperto per noi, certo.

Fatto sta che il 15 di questo mese sarebbero dovuti arrivare 60 euro per le dovute diarie di quei giorni e non ho ricevuto nulla. Così scrivo questo messaggio alla mia vecchia responsabile. Messaggio che ho trovato più che diplomatico:

Ciao M, scusa per l’ora ma potrei avere gentilmente il numero di M oppure, al massimo, farmi ricontattare direttamente da lui domani? Ho bisogno di alcuni chiarimenti e devo parlare con chi se ne occupa direttamente. Grazie.

Non mi sembra di essere stata scortese o averle mancato di rispetto eppure non è stato visto così. Il giorno dopo mi telefona il secondo burattino, e già il suo tono è irritante. Avevo chiesto esplicitamente di parlare con chi si occupa degli stipendi ma non ha avuto il coraggio di affrontare una sua ex dipendente, figuriamoci la serietà di queste persone. Quando mi telefona il burattino, mi inizia a dire che il mio comportamento è del tutto errato e maleducato e che per suo consiglio personale mi chiede di non ripetere lo stesso sbaglio con altri datori. Dunque, sarei irrispettosa maleducata nonché arrogante? Mi sembra ottimo come ragionamento, no? Una persona chiede solo di essere pagata e viene definita in questo modo. Durante la conversazione, il burattino continuava ad alzare la voce non lasciandomi parlare e quando ci provavo, mi parlava sopra. Adesso, voi non mi conoscete ma non c’è cosa che mi faccia più innervosire di quando mi parlano addosso. Se sto esponendo i miei argomenti, è tuo dovere, anzi, è il dovere di chiunque, ascoltare e poi rispondere con le tue tesi, semplice regola della buona educazione, quella mancata da parte del personale amministrativo della grande, grandissima azienda Joy.

Alla fine io ci ho rimesso solo la metà della diaria, grazie al mio istinto femminile della conservazione degli scontrini, ci sono persone che neanche quello hanno avuto per colpa di una bravissima persona, “responsabile” che nemmeno il suo lavoro è in grado di svolgere. Appena mi verrà fatto il bonifico, chiuderò ogni mio conto con Joy e ciò che lo riguarda. Per ora la mia sorte è ancora in bilico. Fatto sta che non augurerei nemmeno al mio peggior nemico di lavorare con persone del genere. E un consiglio per voi, diffidate da queste persone. Quando date gli appoggi, fatelo voi in maniera costante dal vostro conto corrente, evitiamo di far guadagnare ad aziende come queste, quello che in realtà noi crediamo di donare in beneficenza per la ricerca.

Stay tuned for more

Gina