Archivi tag: vita

Funny how the life could be deceiving

18 gennaio 23, ore 17,05

fuori piove e sento solo il rumore delle macchine quando strisciano sull’asfalto bagnato. Le lacrime scendono sul mio viso e non riesco più a controllarle, come la pioggia fuori. “Non era così che immaginavo la mia uscita da questa casa” – rifletto mentre mi asciugo le lacrime col dosso della mano. Raccolgo le mie robe, i miei vestiti, i miei cosmetici e penso solo che non doveva andare a finire così.

Quattro anni fa venni a Torino, ero solo una diciannovenne stupida che credeva nel cambiamento della sua vita in bene, che sognava un futuro da giornalista con un piccolo appartamento, due cani, la persona amata e tanta serenità. Eccomi qui, 23 anni, lavoro in un call center e chiamo contadini ogni giorno per chiedere cosa coltivano. “Vaffanculo, mi avete rotto il cazzo, non la smettete di chiamare? Non avete nulla da fare?”-  queste sono le risposte che sento in cuffia per quasi 8 ore al giorno. Certo, ricevo anche risposte carine e gente davvero gentile ma non era sicuramente così che immaginavo la mia vita. Non era in questo modo che doveva finire.

Mentre preparo la valigia, conto tutte le opportunità perse nella mia vita, le persone che mi hanno messa in ginocchio, le persone che mi hanno usata, le batoste nella mia vita ma credo che nessuna si aggiunga a questa. Sono senza casa, con pochi Euro nel portafoglio ma almeno ho un lavoro e una fidanzata che adoro. Questo può bastare nella mia vita? Non  potrò vedere i miei cani ogni giorno, le mie vite, i miei amori, il mio tutto. Ho dato la mia vita a loro, ho insegnato tutto quello che potevo, le ho cresciute. Ora, dopo due anni, le mie bimbe restano a lui. Potrò vederle per poche ore la settimana, ore che non basteranno a colmare la mancanza che avrò ogni giorno.

Non era questo che mi aspettavo nella mia vita, non era così che mi vedevo ridotta a 23 anni.

Dal suo punto di vista, non ha tutti i torti, dal mio punto di vista, mi aspettavo qualcosa in più da lui. Pretese? Nessuna, forse solo un po’ di aiuto. Sapevo che sarebbe arrivato il momento di chiudere ma non in questo modo, non è così che prevedevo la mia uscita.

Asciugo le mie lacrime, ormai abituate a stare sopra la tastiera e mi preparo. E’ ora di partire, mi dicono, è ora di lasciare un capitolo della mia vita, è ora di abbattere un pilastro della mia casa. Cosa ne sarà della casa? Cosa ne sarà della mia vita fuori da queste mura? Chi mi garantisce che sarò felice?

Ho la mia ragazza, ho un lavoro, ho degli amici, ho delle persone che vogliono lottare a mio fianco, ho me stessa. Ho molto di più di 4 anni fa. Non ho sicurezze, ho pochi spiccioli e tanta voglia di migliorarmi e migliorare la mia vita. Ho questo, nient’altro che questo.

Stay Tuned

G.


Everything could happen

Era da un po’ che non scrivevo per sfogarmi, per raccontare della mia vita, per rompere le scatole a qualche lettore. Everything could happen, niente di più vero. In questi giorni è successo di tutto, ho avuto mille lavori, ho conosciuto varie persone e mi son presa una sbandata per qualcuno! Okay, so di aver detto che mi era già successo per qualcuno, ma questa volta è diverso. Adesso non voglio correre, ma so che mi piace. Mi sento di nuovo viva, sento di nuovo il mio cuore battere, sento di nuovo i brividi nel baciare una persona, nel toccarla, nel prendere la sua mano.

Spero che tutto vada bene, se non dovesse funzionare, mi troverò di nuovo in quella situazione di un anno fa. Ma ora non voglio pretese, non voglio impormi, voglio solo godermi questa cosa..


Dovrei smetterla con il cinismo.

A volte mi rendo conto di essere alquanto patetica, noiosa e ripetitiva. Il mio cinismo mi sta portando un po’ sulla brutta strada. Ho perso tutto quello in cui credevo e sto iniziando a ferire un po’ troppe persone. Non credo più nell’amore, nell’avere qualcuno che ami davvero, nell’avere una relazione stabile, nella dolcezza e in tante cose che facevo naturalmente ogni giorno. Ultimamente tutto sta uscendo fuori dai miei schemi, persone che mi cercano per uscire con me, persone che dicono di amarmi e persone che provano attrazione per me. Non so perché ma non credo di poter piacere a qualcuno, figuriamoci se vado a credere che qualcuno mi ami.  Io so bene da dove parte, so bene perché ho tutti questi limiti e so di star superando il tutto, ma non mi piace vedere cosa sto diventando, o meglio, chi sto diventando. Sono cinica, acida, stronza, mi prendo gioco delle persone e no va affatto bene.

Alla fine ho lasciato la ragazza con cui stavo proprio perché non riuscivo ad andare avanti. Lei ha detto che mi ama e io non ho potuto reggere e l’ho lasciata. Ieri poi, con tutta la naturalezza del mondo gliel’ho detto e lei è scoppiata a piangere. In quel momento ho capito che ero una grandissima merda e che l’ho solo fatta soffrire. A me dispiace ma non riesco a provare sentimenti verso nessuno, non ci riesco.

Sono piena di ferite, piena di tagli e lividi dovuti alla mia guerra interiore, piena di dolore e rabbia che sto smaltendo col passare del tempo. A volte però non capisco da cosa derivi. Se penso a lei non provo alcun sentimento, anzi, mi è indifferente in tutti i modi, addirittura non la penso più ma non so perché non riesco a provare nulla.

Con quest’ultima ragazza è andata così, in un modo molto strano e non riesco a pensare a nulla. Non so che mi succede, ma odio questo mio cinismo dei confronti della vita, dell’amore e altro. Si può vivere così? A volte vorrei solo sparire e andare dove nessuno mi conosca per ricominciare. Ma quante volte potrò farlo?

Stay tuned

G.


Il periodo migliore della mia vita

Cristo, sono felice! Sembra così assurdo che lo dica ma lo sono. Nella vita sono sempre stata negativa e molto schizzinosa in fatto di amicizie e altro ma finalmente mi son lasciata andare, forse perché ho trovato le persone giuste, le persone che mi accettano per la nerd che sono e non solo! Mi fa davvero piacere star bene, ridere, scherzare, uscire e fare le 7 del mattino, avventurarmi in mille cose… essere giovane!

Nella mia vita sono sempre stata abituata a limitarmi sempre, a stare con persone più grandi, essere una persona autoritaria e prendere decisioni, sempre. Sin da piccola sono stata catapultata nel mondo degli adulti avendo anche tante responsabilità. Oddio, non dico che tutto questo sia stato un male, anzi, mi ha aiutata tanto a formarmi il carattere ma non mi ha permesso di “essere giovane”.

Ho avuto varie cerchie di amicizie, ma nessuna come quella di adesso, nessuna nella quale mi senta a mio agio come ora. Sono felice, sono tanto felice. Prima mi concentravo tanto nel guardare migliaia di serie televisive, programmi assurdi e diverse ore internet e quant’altro per non annoiarmi ma alla fine mi sentivo vuota, persa. Ma ora non ho bisogno di farlo, sto proprio bene!

A parte tutto quello, ero in una brutta depressione un po’ dovuta a vari problemi in famiglia, situazione sentimentale di merda (nonostante una piccola ripresa con lei), una vita con tanti alti e bassi e mille di altre cose, ma ora sto bene. Certo, non posso dire che non abbia ogni tanto dei momenti no, che non abbia voglia di stare un po’ da sola, ma ho quasi tutto quello di cui ho bisogno. Da buona ariete che non sono altro, ho bisogno anche dell’amore nella mia vita. Adesso provo un interesse molto forte per una persona, ma non posso dire assolutamente nulla ancora.

Questa ragazza mi piace, mi rende serena e mi agita allo stesso tempo ma mi piace, mi piace sul serio. Io sono quasi sicura di non piacerle affatto, ma non me la sento di mollare anche perché l’osservo da lontano, come una ragazza “troppo” ma mi accontento. Tutti i miei amici dicono l’opposto, che le interesso anche per quello che fa, ma io che sono la diretta interessata non vedo alcun interesse nei miei confronti. Certo, voi direte  che mi sottovaluto e altro, ma non è così. Lei è ASDFGHJKL e io, beh, io sono io. Tanto, non devo mica dirle che mi piace, no? Può anche solo restare una cotta impossibile, no? Non ci parlo nemmeno tantissimo, quindi.

Ad ogni modo, tornando al tema principale, ora sono davvero felice e spero che continui davvero così per tanto tempo, ne ho bisogno.

Stay tuned 🙂

G.


Credete nel destino?

Mi sembra assurdo ma in questi giorni ho una vita frenetica. Sono passata dall’annoiarmi a morte al non avere un secondo libero. Vi spiego un po’ come sono arrivata a questo.

Giovedì scorso sono andata al Maurice per informarmi un po’ sul centro LGBT e poi mi sono candidata come volontaria per il Pride. Oh sì, il Pride. Ho deciso di entrare completamente ‘nel mio mondo’ e incontrare persone diverse. Assurdo. Dico assurdo perché lì ho conosciuto delle persone fantastiche.

Il primo giorno che sono stata lì ho incontrato questo ragazzo e siamo diventati subito amici. Siamo molto simili e stiamo davvero, davvero bene. Poi ci sono gli altri con cui sto altrettanto bene. Non voglio correre, ma lui potrebbe diventare il mio BFF visto che siamo molto ma molto simili. Ieri poi, sono uscita con  una sua amica (ed ex) e mi ha detto delle cose stupende. Una di quelle è che lui raramente dice ‘Ti voglio bene’ a qualcuno e ci mette sempre un’eternità, ma lui me l’ha detto ieri. Sono così contenta che non immaginate.

Così, in una settimana è successo questo: Ho perso la mia migliore amica, ho detto apertamente di essere lesbica, ho incontrato ragazzi fantastici, ho nuovi amici e ho conosciuto un sacco di ragazze.. che vita fantastica!

Dico che tutto sembra fatto dal destino perché è stato tutto così facile. Prima non avevo nessuno con cui andare al Pride e ora ho una marea di persone e di inviti, per non parlare del fatto che la festa dopo è proprio sotto casa mia e io ho entrata e consumazione gratis, meglio di così!

Sembra così pazzesco, ma sto davvero davvero bene ❤


Cos’è cambiato in due anni

Innanzitutto, vi saluto dopo una pausa di due enormi anni dov’è successo di tutto e di più nella mia vita: amicizie, amori, rotture, cambiamenti e altro. 

Cos’è cambiato in due anni? Beh, sicuramente sono cambiata io, cambiamenti che a volte stento a riconoscere. In questi due anni ho scoperto una marea di cose su di me ma iniziamo da quelle più significative. Nel 2011, dopo una grossa litigata con colei che ritenevo la mia migliore amica, ho svelato di essere bisessuale. Erroneamente mi sono definita così per dei sentimenti che ho frainteso e dei piaceri che provavo. Io, ho scoperto di essere gay. Per gli uomini provo ancora un’attrazione fisica ma finisce lì, mi spiego, posso trovare il ragazzo più bello del mondo, lo guardo ma sono più interessata alla ragazza che le sta accanto. 

Tutto questo io l’ho scoperto stando con una persona. Questa persona ha saputo rendermi felice (per quanto io sia mai stata felice) e ha saputo portarmi all’inferno e provare il dolore come mai l’avevo provato. E’ stata l’unica persona che abbia mai amato, quindi è stata un bene ma anche un male, soprattutto un male. Ora ho un “buon” rapporto con lei, ma purtroppo non riesco a dimenticare il male che son stata. Grazie a lei però ho scoperto tante cose, una di questa è stata proprio la mia inclinazione sessuale. Ma di lei parlerò bene in un altro post. 

Sono cambiata molto fisicamente, gli anni iniziano a farsi sentire. Non è vero, non sono cambiata, era per sdrammatizzare. 

Non studio più, questo è uno dei grandi cambiamenti della mia vita. Ho dovuto rinunciare allo studio per problemi economici e familiari e la cosa mi ha fatta star davvero male. Non che mi aspetti molto dalla vita, ma questo davvero è stato uno dei cambiamenti peggiori della mia vita, quello che mi ha buttato ancora più in depressione. 

Ormai non sono più la persona positiva di una volta, non credo più in un Dio, in un futuro, nell’amore, in me stessa… non credo nella vita! Certe persone nascono per essere felici, io sono nata per soffrire e basta. Ho scoperto cose che mi son successe da piccola e non mi hanno fatta per niente star bene, anzi! 

Cos’altro potrei dire? Non saprei. Scriverò poi quando sarà il momento. 

Stay tuned for more.

G.